La famiglia Santacroce commissiona l’edificazione della chiesa di Sant’Orsio nell’area di una preesistente cappella votiva. Le fondamenta della precedente struttura sono riscontrabili nel retro dell’attuale edificio.

Il santuario di Sant’Orsio è ubicato fuori dal centro abitato e sorge isolato all’interno di un piccolo parco confinato, situato a circa 350 m dalla strada provinciale 493. All’area si giunge tramite una piccola via di campagna che costeggia ad ovest il sito. L’accesso avviene tramite un cancello e un percorso delimitato ai lati da un filare di alberi. La chiesa è ad aula unica rettangolare disposta con asse da nord a sud. Il presbiterio, contenuto nello stesso vano, è individuato dal rialzo di un gradino, e al centro di questo spazio è posta la mensa d’altare isolata, soprelevata su un ulteriore gradino; alle spalle di questa a ridosso del fondo si erge un frontespizio architettonico con pala votiva. Nello stesso presbiterio si apre una porta per lato; altre due porte sono inoltre presenti sulla parete di fondo ai lati del frontespizio dell’altare. Tali accessi conducono ad un ampio spazio retrostante destinato a sagrestia, dal quale è possibile accedere al campanile.

Le porte laterali, invece, comunicano con l’esterno. L’ambiente posteriore corrisponde ad un basso volume con sviluppo a C, attorno alla parte terminale dell’aula di culto; dai lati di esso è possibile accedere direttamente dall’esterno alla sagrestia e al campanile. Nei lati dell’aula si aprono nicchie semicircolari e arcuate, ricavate nello spessore murario a circa un metro da terra. Sul lato est ve ne sono tre: le prime due ravvicinate all’inizio dell’aula e l’ultima presso il presbiterio; sul lato ovest la stessa disposizione è tuttavia variata dal fatto che la seconda nicchia risulta tamponata e la terza è a fondo piano e terminazione rettilinea, all’interno del preesistente vano arcuato. Sia questa nicchia sia quella corrispondente sul lato opposto sono decorate da affreschi. Le pareti dell’aula sono interamente intonacate e presentano una zoccolatura grigia dipinta su tutto il perimetro. Il frontespizio dell’altare è costituito da un’edicola su colonne libere rialzate su piedistalli, con timpano curvo spezzato; il tutto realizzato in stucco; le colonne sono decorate con girali di fogliame. La pala d’altare raffigura la Madonna con Bambino e Sant’Orsio. L’intera aula è coperta da tetto a capriate in vista con doppia orditura lignea e pianelle. L’ambiente è illuminato da due coppie di finestre rettangolari sui lati lunghi della navata, da una lunetta al di sopra dell’ingresso e da due piccole e basse aperture strombate ai lati di quest’ultimo, tipiche degli edifici religiosi di campagna.

Il santuario ha una facciata ad intonaco con schema a capanna, con angoli decorati a bugne, su una zoccolatura perimetrale in lastre di peperino. Alla base del timpano corre una piccola cornice orizzontale che al centro è interrotta da un oculo cieco. Il portale, in peperino, è architravato e con cornice sostenuta da mensole; poco più in alto di esso si apre una lunetta priva d’incorniciatura; semplici fasce definiscono invece le due basse finestre rettangolari ai lati dell’accesso; tali aperture sono inoltre dotate di grate metalliche. I fianchi e la parte posteriore si presentano semplicemente intonacati. All’interno del basso volume che abbraccia la chiesa alle spalle, è situata la torre campanaria a base quadrata con copertura a quattro spioventi. Anch’essa è intonacata ed è scandita in quattro livelli da un’intelaiatura a fasce. La cella campanaria è caratterizzata da un’apertura centinata sui lati nord e sud e da bifore ad est e ad ovest